Blog: http://mauz.ilcannocchiale.it

I poveri e l'urbanizzazione

 “Saranno i poveri a costituire larga parte della futura crescita urbana...ignorare questa realtà di fondo renderà impossibile sia fare previsioni sull’inevitabile e massiccia crescita delle città sia utilizzare le dinamiche urbane per alleviare la povertà”. (Dal rapporto 2007 sullo stato mondiale della popolazione presentato ieri dal Fondo ONU per le popolazioni.)

I poveri costituiscono già la maggior parte della crescita urbana in tanta parte del mondo. Quando sono andato in Angola (nel 2002), Luanda, la capitale, aveva 4 milioni e mezzo di abitanti a fronte di una capacità recettiva di circa cinquecentomila persone. Conseguenza: sardinizzazione della vita delle persone, impossibilità di trovare lavoro e quindi sopravvivere, diffusione di malattie ed epidemie. anche questo fenomeno è spesso purtoppo una conseguenza della guerra. I poveri scappano dai teatri di guerra dirigendosi verso la città dove sperano di trovare più sicurezza e più possibilità di sopravvivenza. Molte volte però passano dalla padella alla brace e la loro speranza si tramuta quasi subito in una trappola senza fine.

Pubblicato il 28/6/2007 alle 9.40 nella rubrica Pensieri e parole.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web