.
Annunci online

mauz
Idee in libertà


Diario


3 giugno 2008

Ziegler su crisi alimentare

 

Vi riporto un intervento di Jean Ziegler, docente di sociologia alla Sorbona di Parigi e all'università di Ginevra, ex-parlamentare svizzero, oggi Relatore speciale sul diritto all'alimentazione per la Commissione sui diritti dell'uomo dell’Onu. L’estratto, riportato dall’agenzia di stampa Misna che a sua volta lo ha ripreso dal testo integrale pubblicato dal Manifesto, credo contenga un interessante punto di vista su quanto stanno dibattendo i capi di Stato e di Governo riuniti in questi giorni a Roma per il vertice della Fao.

“Quali sono le cause principali delle gravi violazioni dei diritti alla nutrizione conseguenti all'aumento dei prezzi? E qual'è la causa dell’ aumento? Una delle principali è la speculazione, che avviene soprattutto alla Chicago commodity stock exchange (Borsa delle materie prime agricole di Chicago), dove vengono stabiliti i prezzi di quasi tutti i prodotti alimentari del mondo. Tra il novembre e il dicembre dello scorso anno il mercato finanziario mondiale è crollato e più di 1000 miliardi di dollari investiti sono andati in fumo. Di conseguenza la maggioranza dei grandi speculatori, come quelli che investivano in “hedge funds”, hanno finito per investire in “options” e “futures” sui prodotti agricoli grezzi e sui generi di prima necessità. Nel 2000 il volume commerciale dei prodotti agricoli alle varie Borse ammontava approssimativamente a 10 miliardi di dollari; a maggio del 2008 ha raggiunto i 175 miliardi di dollari. Solo nel mese di gennaio 2008, quando è iniziata questa inversione di tendenza, tre miliardi di nuovi dollari sono stati investiti alla “Chicago commodity stock exchange”. Tutti i generi di prima necessità sono per lo più controllati da almeno otto grandi multinazionali. La più grande società che commercia grano è la “Cargill”, nel Minnesota, che l'anno scorso controllava il 25% di tutti i cereali prodotti nel mondo. I profitti della Cargill nel primo trimestre del 2007 erano pari a 553 milioni di dollari; nel primo trimestre del 2008 sono arrivati a un miliardo e 300 milioni. E' difficile calcolare esattamente quanto la speculazione abbia influito sull'aumento dei prezzi. La World Bank fa una stima che si aggira intorno al 37%; Heiner Flassbeck, direttore della Divisione strategie globalizzazione e sviluppo dell'Unctad (United nations conference on trade and development), sostiene che questa stima va probabilmente raddoppiata".





permalink | inviato da mauz il 3/6/2008 alle 19:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio        novembre
 
 




blog letto 96095 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Uno sguardo sul mondo
Bar sport
Politica
Bibliopost
Pensieri e parole
Rassegna stampa

VAI A VEDERE

Alessio
Partito Democratico
Federica Mogherini
Diego Ciulli
Paolo Borrello
Stefano Menichini
Diletta
Bazarov
Salvo Toscano
riccardo eschimese
larete
Gaetano Amato
marioemario
Valerio Pieroni
demopazzia
innoxius
santaopposizione
ethos


IN AFRICA DANZANDO LA VITA
Maurizio Cei


Un resoconto, un diario, un viaggio fotografico in parole di alcuni dei momenti più significativi vissuti durante molteplici esperienze di volontariato in terra africana (in Kenya, Angola e Mozambico). Tramite un’associazione di Roma, il VIDES, fondata da una Salesiana di Don Bosco, suor Maria Grazia Caputo, ho avuto modo dal 1996 ad oggi di "sperimentarmi" in attività di solidarietà concreta ed appassionata, in ambito internazionale ed in Italia. In ciascuna di queste occasioni ho provato emozioni che mi hanno fatto crescere e di cui conservo ricordi indimenticabili. In particolare, porto in me il meraviglioso continente africano, troppo spesso travisato e veicolato con visioni distorte ed incomplete. Non sarò certo io a riuscire a darne un quadro verosimile o esaustivo: sono solo un ragazzo che ha dalla sua la curiosità e la voglia di capire. Ma di certo il mio è un tributo sincero ed appassionato, un abbraccio ideale che tenta di ricambiare quello concreto che ho ricevuto lì.      
                                              Maurizio Cei

Se volete informazioni relative al mio primo (e unico?) libro, o se volete acquistarne una copia, potete contattarmi all'indirizzo di posta elettronica ceiempoli@inwind.it. Sono disponibile a fare presentazioni del libro da qualsiasi parte venga invitato, naturalmente a titolo gratuito. La quota a me spettante dalle vendite del libro, e anche un parte di quelle di spettanza della casa editrice, saranno destinati a sostenere progetti di cooperazione internazionale promossi dalla ONG Vides, particolarmente in Mozambico.

CERCA