.
Annunci online

mauz
Idee in libertà


Diario


13 dicembre 2007

Chi risarcirà la maestra di Rignano?

 

Secondo quanto emerge dalla perizia depositata oggi dai stessi carabinieri del Tribunale di Tivoli il Ris non ha trovato nessun reperto attribuibile ai bambini di Rignano Flaminio sui peluches e auto di una delle maestre indagate. Nelle oltre mille pagine della perizia, si afferma che non vi sono elementi che fanno risalire ai bambini ritenuti sessualmente abusati le tracce biologiche, sia dna che impronte digitali.

Se questa perizia venisse confermata ci troveremmo davanti ad una donna, una maestra, sottoposta per mesi ad una gogna mediatica inutile e ingiusta. Credo che più che riflettere sullo stato della nostra giustizia, sono convinto infatti che i magistrati abbiano il diritto di indagare anche a tutela degli indagati stessi, dovremmo ben più interrogarci sul nostro vivere le notizie e sui nostri rapporti con i media. Dare in pasto all’opinione pubblica indagini così complesse è quanto di più ridicolo possiamo fare. Non ho alcuna propensione alla censura ma credo che fra la censura e la libertà assoluta di pubblicare e giudicare senza pezze d’appoggio ci sia la via di mezzo del buon gusto e del rispetto della dignità e della presunzione di innocenza fino al terzo grado di giudizio di qualsiasi indagato. E se questo prinicipio dovrebbe valere sempre, vale ancor di più per indagini e per ipotesi di reato così gravi ed infamanti. Sono altresì convinto che oltre che alla responsabilità dei media che ci danno in pasto qualsiasi notizia, ci sia anche la nostra responsabilità di utenti consumatori che mangiamo senza indignarci qualsiasi notizia ci venga proposta.

Se davvero questa maestra risulterà innocente, chi la ripagherà dei mesi di gogna pubblica alla quale è stat sottoposta? Chi le ridarà la serenità di poter guardare tutti a testa alta? E’ volontà di censura la convinzione di chiedere il rispetto per le persone e per la loro dignità fino a quando non arrivi una condanna definitiva?




permalink | inviato da mauz il 13/12/2007 alle 19:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     novembre        marzo
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Uno sguardo sul mondo
Bar sport
Politica
Bibliopost
Pensieri e parole
Rassegna stampa

VAI A VEDERE

Alessio
Partito Democratico
Federica Mogherini
Diego Ciulli
Paolo Borrello
Stefano Menichini
Diletta
Bazarov
Salvo Toscano
riccardo eschimese
larete
Gaetano Amato
marioemario
Valerio Pieroni
demopazzia
innoxius
santaopposizione
ethos


IN AFRICA DANZANDO LA VITA
Maurizio Cei


Un resoconto, un diario, un viaggio fotografico in parole di alcuni dei momenti più significativi vissuti durante molteplici esperienze di volontariato in terra africana (in Kenya, Angola e Mozambico). Tramite un’associazione di Roma, il VIDES, fondata da una Salesiana di Don Bosco, suor Maria Grazia Caputo, ho avuto modo dal 1996 ad oggi di "sperimentarmi" in attività di solidarietà concreta ed appassionata, in ambito internazionale ed in Italia. In ciascuna di queste occasioni ho provato emozioni che mi hanno fatto crescere e di cui conservo ricordi indimenticabili. In particolare, porto in me il meraviglioso continente africano, troppo spesso travisato e veicolato con visioni distorte ed incomplete. Non sarò certo io a riuscire a darne un quadro verosimile o esaustivo: sono solo un ragazzo che ha dalla sua la curiosità e la voglia di capire. Ma di certo il mio è un tributo sincero ed appassionato, un abbraccio ideale che tenta di ricambiare quello concreto che ho ricevuto lì.      
                                              Maurizio Cei

Se volete informazioni relative al mio primo (e unico?) libro, o se volete acquistarne una copia, potete contattarmi all'indirizzo di posta elettronica ceiempoli@inwind.it. Sono disponibile a fare presentazioni del libro da qualsiasi parte venga invitato, naturalmente a titolo gratuito. La quota a me spettante dalle vendite del libro, e anche un parte di quelle di spettanza della casa editrice, saranno destinati a sostenere progetti di cooperazione internazionale promossi dalla ONG Vides, particolarmente in Mozambico.

CERCA